"Psicoterapia interpersonale e terapia combinata: nuove applicazioni ed evidenze empiriche"

Sabato 8 ottobre 2016
Sala dell’Annunziata del Chiostro di S. Agostino
Pietrasanta (LU)

LINK AL PROGRAMMA

SIPINT.jpg

"In data 29 settembre 2016 presso Via Cherasco 11 – Torino  è indetta la riunione dei Soci della Sezione Regionale della Società Italiana di Psicoterapia Medica (SIPM).

L’incontro è previsto in prima convocazione alle 8,30 ed in SECONDA CONVOCAZIONE DALLE 10,30 alle 12.

In tale occasione è prevista l’elezione del Consiglio Direttivo.

E’ auspicabile una numerosa partecipazione in quanto l’obiettivo della Società è di poter restituire ai medici quel ruolo psicoterapeutico che è alla base della nostra competenza ma che nella pratica dei servizi sempre più rischia di scomparire, “travolto” dalle esigenze gestionali. "

SEZIONE REGIONALE PIEMONTESE SIPM

SIPM.jpg

logo.png

L'Università del Piemonte Orientale attiva il I Master in Medicina Narrativa

  • Durata: annuale
  • Presentazione della domanda di ammissione: entro il 10 ottobre 2016
  • Pubblicazione della graduatoria: 17 ottobre 2016
  • Presentazione della domanda di iscrizione: entro il 4 novembre 2016
  • Inizio: novembre 2016
  • Fine: aprile 2018

ARTICOLO DE "LA STAMPA"

Link per i dettagli qui

 MASTER_MEDICINA_NARRATIVA_1.jpg

MASTER_MEDICINA_NARRATIVA_2.jpg

img_conco.png

 

PREMIO:

Ai 3 vincitori del Concorso verranno assegnati i seguenti premi:

1° classificato

Partecipazione ad un congresso europeo internazionale in psichiatria che si svolgerà nel 2017.

Realizzazione del progetto vincitore o parte di esso.

Il premio consisterà nel fornire servizi o eventuali attrezzature per un valore fino a Euro 8.000 a favore dell’Ente di appartenenza del vincitore.

2° / 3° classificato

Partecipazione ad un congresso europeo internazionale in psichiatria che si svolgerà nel 2017.

Dettagli del concorso (il sito richiede una registrazione personale)

REGOLAMENTO

SIPPIEVA SEGNALA LA SEGUENTE INIZIATIVA DELL'ACCADEMIA DI MEDICINA DI TORINO:

"PSICHIATRIA: STATO DELL'ARTE E PROSPETTIVE"

Martedì 21 giugno 2016, ore 21, Aula Magna di via Po,18 - Relatori: Filippo Bogetto, Vincenzo Villari, Luigi Ravizza.

Link al programma

ACCADEMIA.jpg

La Clinica Psichiatrica ricorda il centenario della nascita di Michele Torre con una lezione magistrale del Prof. Gian Giacomo Rovera (Professore Onorario di Psichiatria all'università di Torino)

Martedì 14 giugno 2016 ore 10.30 - 12 - Aula Magna "Michele Torre", via Cherasco 11, Torino

La Depressione

CHE COS’È, COME NASCE, COME SI AFFRONTA

 

Mario Maj

Direttore del Dipartimento di Psichiatria, Università di Napoli SUN

Past-President, World Psychiatric Association

DATA: 12 aprile 2016

SEDE: Università di Torino, Palazzo del Rettorato, Sala Principi d'Acaja, Via Verdi 8 - Via Po 17

Scarica la locandina

Il disturbo da Deficit di Attenzione / Iperattività è presente sia in età evolutiva che in età adulta. È un disturbo ancora poco conosciuto e la presa in carico degli adulti è ancora molto carente nel contesto sanitario italiano. Il convegno vuole essere un’occasione per riflettere sul disturbo e promuovere cultura e modelli organizzativi per la gestione dell’ADHD nei contesti di cura per gli adulti.

 

DATA: 21 marzo 2016

SEDE: Sala Einaudi PROVINCIA DI CUNEO Corso Dante, 41 CUNEO

 

Scarica la locandina

 

Il trattamento delle dipendenze alcoliche dal medico di famiglia alle strutture specialistiche

Secondo l’Osservatorio Epidemiologico delle Dipendenze della Regione Piemonte nel corso del 2012, in base ai dati pervenuti dai servizi pubblici per le dipendenze, sono stati trattati 7524 pazienti con problemi alcol- correlati: di questi 276 sono stati ricoverati nelle Case di cura private, 387 sono stati trattati in ambiente comunitario, mentre 800 persone si sono rivolte ai gruppi di autoaiuto. Come vengono affrontati oggi i problemi delle persone con dipendenza da alcol, associata o meno a disturbi psichiatrici e/o ad altri tipi di dipendenza? Esistono percorsi integrati e formalizzati di cura tra Medici di famiglia, Servizi territoriali e Ospedalieri? Il Convegno, attraverso relazioni di esperti, confronti con i partecipanti e tavole rotonde, vuole offrire un confronto tra addetti ai lavori nei servizi pubblici e privati.

DATA: 22 MAGGIO 2015 
SEDE: Casa di Cura “Villa di Salute”, Viale della Resistenza 24 - 10028 Trofarello (TO)

PROGRAMMA

Verrà la morte e avrà i tuoi cocchi”, affrontiamo insieme un argomento difficile: il tema del suicidio attraverso l’arte

DATA: 12 maggio 2015 
SEDE: Scuola di Musica Dedalo, Via Monte San Gabriele 62 - Novara (NO)

PROGRAMMA

Master Universitario biennale di I livello in “INFERMIERE PSICHIATRICO”

Il Master fornisce una preparazione teorica e pratica agli infermieri che intendono lavorare con pazienti psichiatrici: nell’assistenza, nella prevenzione, nella riabilitazione, nell’assistenza dei familiari. Obiettivo qualificante del Master è quello di consentire l’acquisizione di strumenti conoscitivi ed operativi idonei a lavorare nell’ambito psichiatrico, con particolare riferimento all’acquisizione di abilità relazionali e di counseling.

Per iscrizioni: Segreteria Scuola di Medicina e Chirurgia Via Perrone 18 – Novara Tel 0321375270 www.med.unipmn.it/ 

PROGRAMMA

Percorsi di cura in un contesto transculturale

Scopo del Master è esplorare e sviluppare individualmente ed in gruppo le risorse umane e terapeutiche della consapevolezza attraverso un percorso che recuperando e portando alla luce questa particolare dimensione corporea ed affettiva dell’esperienza umana, ne permetta e ne faciliti l’attivazione e l’ampliamento. Favorirne l’applicazione nel territorio delle relazioni d’aiuto da parte di chi lavora strettamente a contatto con la malattia organica e psicologica, e quindi in contesti personali e di campo interattivo, al fine di conoscere, affrontare e tentare di alleviare la sofferenza. Le tecniche proposte incrementano la stabilità emotiva, la sensazione di autoefficacia e la capacità di comprendere e gestire le relazioni. Nell’ambito clinico si possono tradurre in una maggiore capacità empatica, una migliore comunicazione e gestione della relazione con i pazienti ed una riduzione del rischio di burn out. Viene inoltre effettuata una formazione specifica sull’uso di tecniche di mindfulness, meditazione e compassione per l’accompagnamento empatico alla fine della vita e nel lutto, come coadiuvante per l’elaborazione delle emozioni nel processo terapeutico assistenziale e nel processo di supervisione. Il corso permette di migliorare le proprie competenze professionali nel raggiungimento di uno stato di stabilita interiore, di capacità concentrativa e di comprensione ed azione nel campo relazionale e comunicativo; esso permette inoltre di acquisire tecniche per facilitare la relazione empatica e l’elaborazione delle emozioni sia come coadiuvante di processi terapeutico assistenziali che come prevenzione del burn out. Le competenze acquisite possono migliorare la qualità professionale in tutti i campi della relazione d’aiuto. Meditare è fare luce sulla propria realtà interiore, è imparare a tornare a se stessi, al qui e ora, è ritornare alla mente originaria intatta e incondizionata, proprio come bambini ancora liberi dai condizionamenti e sovrastrutture. Praticare la presenza mentale vuol dire affidarsi al potere incredibile dei propri sensi, alla capacità intrinseca dell’uomo di fare esperienza attraverso il mondo sensoriale, il mondo percettivo, il mondo della mente. Essere in uno stato di mindfulness è unire il proprio panorama interiore con il mondo esteriore, è riuscire a essere presenti sul palcoscenico della vita in una profonda e continua integrazione tra l’esperienza, il modo in cui l’esperienza è vissuta e la sua rielaborazione e trasformazione.

DATA: Maggio 2015 - Dicembre 2016

PROGRAMMA

Il paziente e la psicosi: curare, non spegnere

Nonostante i notevoli avanzamenti nelle terapie sia farmacologiche sia psicosociali, la maggior parte dei pazienti con psicosi non raggiunge le normali tappe fondamentali del funzionamento sociale, della produttività, dell'indipendenza abitativa e della cura di sé. La psicopato- logia, le funzioni cognitive e altri fattori, quali le strategie di coping, la stima di sé, le malattie mediche, i fattori ambien- tali e culturali hanno un impatto sul funzionamento. Tuttavia, al di là della cornice comune a ogni espressione clinica della psicosi, diversi sono i contenuti e i modi di essere e di comportarsi che in essa si manifestano e che dipendono dall’unicità di ciascun paziente e delle sue modalità di entrare in relazione con il mondo. I fenomeni psicotici possono esprimere i valori e le credenze del paziente, la cui identità non può prescindere dagli stessi, ma i fenomeni psicotici possono anche essere considerati come sintomi di una malattia determinata da concause di tipo biologico-psicologico-sociale. L’interscambiabilità tra queste due concezioni risulta fondamentale per la relazione terapeutica, nell'ambito della quale vanno valorizzati sia la soggettività del paziente, intesa come analisi dei disturbi soggettivi e dei meccanismi individuali di compenso, sia l'efficacia degli interventi farmacologici e riabilitativi. La sfida nel processo di cura è cogliere e occuparsi della complessità dei bisogni del singolo paziente e stimolarne la capacità di individuare i propri obiettivi e perseguire le proprie aspirazioni in un percorso di accrescimento personale. Il Convegno si propone di fare il punto sulla complessità della compromissione del funzionamento nella vita reale dei pazienti con schizofrenia e altre patologie psicotiche, anche in relazione alla biologia, alla psicopatologia e alle terapie attualmente disponibili

DATA: 3-4 dicembre 2014 2014 
SEDE: Centro Incontri Regione Piemonte, C.so Stati Uniti 23 - Torino

 

PROGRAMMA

I Disturbi del comportamento alimentare: Terapie, difficoltà al trattamento e questioni bioetiche

I Dca si rappresentano come coesistenza di elementi psicologico- psichiatrici e aspetti somatici con frequente compromissione del funzionamento sociale, che da espressione di disagio vanno incontro ad un’alta possibilità di cronicizzazione ed elevato rischio di mortalità L’esperienza clinica conferma la necessità di un approccio terapeutico multidimensionale e pluriprofessionale per offrire una risposta adeguata ed integrata ai bisogni specifici del paziente, della famiglia e del contesto sociale, in un percorso che va dall’ambulatorio al ricovero ospedaliero, fino a contesti di cura protetti dove trovano posto strutture intermedie riabilitative. Mancanza o scarsa consapevolezza di malattia, resistenza o scarsa motivazione alla cura sono gli ostacoli più frequenti ai quali si deve far fronte nel programmare un intervento terapeutico. Il trattamento di un DCA richiama anche e soprattutto alla necessaria interazione di figure professionali diverse tra loro, ma che devono trovare un linguaggio comune e condiviso per pensare e costruire un percorso terapeutico e riabilitativo funzionale. E’ tale consapevolezza che può consentire a trasmettere informazioni utili, corrette e adeguate per il miglioramento in termini di prevenzione e cura.

DATA: 26 novembre 2014 
SEDE: Centro Incontri Regione Piemonte, C.so Stati Uniti 23 - Torino 

PROGRAMMA

La psicoterapia nei DSM e nei SerD: efficacia dei trattamenti e organizzazione dei servizi

La capacità degli operatori della salute mentale di attivare un potenziale terapeutico attraverso la qualità della relazione col paziente è un fattore fondamentale per il buon esito di tutte le cure. Di questa attitudine empatica fa parte anche la comprensione profonda delle dinamiche disfunzionali della personalità che sottendono i diversi quadri clinici dei disturbi psichici, senza la quale non sono codificabili nemmeno le tecniche psicoterapeutiche specifiche. Vi sono, inoltre, crescenti evidenze che le psicoterapie sono molto efficaci nel trattamento di molti disturbi psichiatrici e nella prevenzione delle recidive, per cui non fare psicoterapia quando è necessario risulta più costoso, in termini socio-sanitari, che non somministrare trattamenti adeguati. E' necessario però che le tecniche utilizzate siano attentamente differenziate in base al disturbo e al funzionamento del paziente. Obiettivo del Convegno è quindi sensibilizzare gli operatori della salute mentale (e in particolare i Direttori e i Responsabili di struttura dei DSM e dei SerD), nonché i responsabili delle politiche sanitarie, sulla necessità di fornire psicoterapia nei servizi pubblici, prevedendo un'organizzazione mirata a: 1) utilizzare le tecniche in modo specifico; 2) favorire l'accesso dell'utenza, anche attraverso l'utilizzo di trattamenti a tempo limitato; 3) articolare la psicoterapia con gli altri trattamenti farmacologici e riabilitativi per i pazienti che necessitano di una presa in carico complessa.

DATA: 21-24 novembre 2014 
SEDE: Centro Congressi “Molinette Incontra” – A.M. Dogliotti, AOU Città della Salute e della Scienza Ospedale Molinette, C.so Bramante 88 - Torino

PROGRAMMA

Third International Congress on Borderline Personality Disorder and Allied Disorders

DATA: 16-18 ottobre ottobre 2014 
SEDE: Sheraton Roma Hotel & Conference Center- Viale Del Pattinaggio 100, Roma

 

Corso di perfezionamento in Psichiatria Forense

Direttore Prof. Filippo Bogetto – Vice Direttore Dott. Elvezio Pirfo.

Il Corso è destinato a laureati in Medicina e Chirurgia, ai laureati in Psicologia e ai laureati in Giurisprudenza e si svolgerà presso la sede del Dipartimento di Neuroscienze “Rita Levi Montalcini” e presso il Dipartimento di Salute Mentale della ASL TO2 di Torino.

ISCRIZIONI:  aperte dal 10/09/2014 al 03/10/2014

La documentazione e le istruzioni per l’iscrizione sono reperibili alla pagina dedicata sul sito del Dipartimento di Neuroscienze

 

Percorsi di cura in un contesto transculturale

DATA: 9 ottobre 2014 
SEDE: SPDC – Psichiatria Alessandria, Ospedale S.S. Antonio e Biagio. Salone di Rappresentanza - Via Venezia 16 - Alessandria (AL)

 

PROGRAMMA

Fare e pensare in montagnaterapia

Sentieri di cura – IV Convegno Nazionale Da anni ormai esiste sul Territorio Nazionale una realtà che si ritrova nel comune interesse dell’utilizzo della Montagna come elemento di benessere ma soprattutto di cura per tutta una serie di disagi e fanno capo a quella che comunemente viene ormai definita “Montagna Terapia”. Si sono sviluppati, in tutta Italia, Gruppi che vogliono condividere il loro modo di vivere la Montagna, di frequentarla per star meglio, per imparare ad affrontare i loro problemi, per ritrovare le loro capacità, per miglio-rarsi, per curarsi. Stiamo parlando di persone con disagi mentali, difficoltà fisiche, disturbi della visione, percorsi di vita attraversati da dipendenze da sostanze psicotrope. In questa avventura si sono impegnati Medici, Sociologi, Antropologi, Operatori Sanitari (Infermieri ed Educatori), Volontari, Soci CAI, Istruttori e/o Guide Alpine, Accompagnatori Naturalistici. Con cadenza biennale viene organizzato un Convegno Nazionale sia per fare il punto della situazione e per condividere nuove esperienze, sia per promuovere nuovi stimoli, nuovi saperi, nuovi agire.

DATA: 9 ottobre - 11 ottobre 2014 
SEDE: Centro Incontri Provincia. Corso Dante 41, Cuneo (CN)

 

PROGRAMMA

Fare e pensare in montagnaterapia

Sentieri di cura – IV Convegno Nazionale Da anni ormai esiste sul Territorio Nazionale una realtà che si ritrova nel comune interesse dell’utilizzo della Montagna come elemento di benessere ma soprattutto di cura per tutta una serie di disagi e fanno capo a quella che comunemente viene ormai definita “Montagna Terapia”. Si sono sviluppati, in tutta Italia, Gruppi che vogliono condividere il loro modo di vivere la Montagna, di frequentarla per star meglio, per imparare ad affrontare i loro problemi, per ritrovare le loro capacità, per miglio-rarsi, per curarsi. Stiamo parlando di persone con disagi mentali, difficoltà fisiche, disturbi della visione, percorsi di vita attraversati da dipendenze da sostanze psicotrope. In questa avventura si sono impegnati Medici, Sociologi, Antropologi, Operatori Sanitari (Infermieri ed Educatori), Volontari, Soci CAI, Istruttori e/o Guide Alpine, Accompagnatori Naturalistici. Con cadenza biennale viene organizzato un Convegno Nazionale sia per fare il punto della situazione e per condividere nuove esperienze, sia per promuovere nuovi stimoli, nuovi saperi, nuovi agire.

DATA: 9 ottobre - 11 ottobre 2014 
SEDE: Centro Incontri Provincia. Corso Dante 41, Cuneo (CN)

 

PROGRAMMA

Cerca

Utilizziamo i cookie (anche di terze parti) per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.